L’Estate, per un bambino, significa “libertà”. Libertà dalla scuola, dagli insegnanti, dai compiti, dagli impegni del pomeriggio, libertà di correre e di giocare all’aria aperta. Così, il 9 Giugno, l’ultimo giorno di scuola ho festeggiato con i miei figli, pensando di non doverli più portare a danza, a calcetto, a catechismo e soprattutto la mattina presto a scuola nel caos del traffico delle mamme trafelate. Finalmente le vacanze e la sospirata libertà!!!

Giada sveglia, la libertà è solo un miraggio” – Mamme e papà che mi seguite, futuri genitori, l’estate è un ironico girone dell’inferno. I vostri figli si sveglieranno prestissimo la mattina (quando devono andare a scuola per svegliarli c’è bisogno di tutti i 100 elementi dell’orchestra sinfonica, mentre l’estate  loro si svegliano alle 7:00 e si addormentano minimo alle 23:30). L’estate i vostri non vi diranno “Buongiorno”, vi chiederanno “cosa facciamo oggi”?, “dove Andiamo”, “a Cosa giochiamo”. Spesso spero mi chiedano di aiutarli con le equazioni piuttosto che il classico “cosa facciamo oggi”.

Per affrontare con tranquillità le calde – non solo climaticamente – giornate che verranno, ecco i miei consigli:

  • I Nonni: durante l’anno si sono sempre lamentati di vedere per  troppo poco tempo i vostri figli? L’Estate è il momento giusto per accompagnare i vostri dolci pargoli a passare qualche giornata con i nonni (parola d’ordine: libertà per i genitori);
  • Gli zii: i vostri fratelli e sorelle, le vostre cognate…. Quando noi donne eravamo in dolce attesa, loro vi scrivevano dolci messaggi con “non vedo l’ora di vedere il mio nipotino/nipotina… Ora è arrivato il momento di stare qualche giorno con i vostri amati nipoti (parola d’ordine: relax per i genitori);
  • Gli amici: Ricordatevi sempre che non siete soli. Prendete il vostro telefono e selezionate quelle mamme e quei papà, genitori dei compagni di gioco dei vostri figli, che sono nella vostra stessa situazione. Cercano disperatamente le risposte alle difficili domande dei propri figli. “L’unione fa la forza”! Chiamate questi “colleghi” e invitateli a creare dei momenti di condivisione in cui i vostri figli giocheranno con i loro e voi vi rilasserete bevendo una bevanda fresca chiacchierando in serenità (parola d’ordine: siamo tutti nella stessa barca).

Quando andrete al mare e porterete i vostri figli in spiaggia, vi consiglio di avere sempre con voi alcuni equipaggiamenti necessari per il vostro relax e per fare giocare i vostri bambini: l’aquilone e le girandole (per sfruttare un fantastico elemento a costo zero: il vento), le biglie (per costruire una pista con tanto di tranelli, buche da saltare, montagne da scavalcare…. Le biglie per i vostri bambini saranno la Saetta Mc Queen e le gare durano mediamente dai 60 ai 90 minuti, tempo necessario per leggere una rivista o semplicemente prendere il sole in spiaggia)… una palla che da secoli rende felice grandi e piccini! Non dimenticate i classici secchiello, paletta e rastello per costruire castelli e sculture con la sabbia.

Care amiche #curvy aspetto i vostri consigli per “sopravvivere” con entusiasmo agli anni più belli con i nostri figli!

 Photo by MARINETTA SAGLIO
Hairstyle ANNA ILARDI per FRANCO & CRISTIANO RUSSO
Makeup LORENA LEONARDIS
Abiti SWEET LOLA by SANDRO FERRONE
Costumi LA FARFALLA Pubbliche relazioni BARBARA MOLINARIO
Accessori ANNA TALO’ BIJOUX