Ci sono momenti nella vita, o periodi più o meno lunghi, dove viene messa a dura prova la fiducia che abbiamo nelle nostre capacità. Per i più giovani può trattarsi di un compito in classe andato male o di un voto che pensate di non meritare. Per chi è più grande c’è un ampio ventaglio di possibilità, come un rimprovero del vostro capo che non ritenete giusto, una questione complessa e difficile da gestire, le spese non preventivate e tante  situazioni, o meglio “le sfide”, che la vita spesso ci riserva. Non sempre usciamo vittoriosi da queste sfide, a tutti è capitato di “perdere”.

Oggi voglio parlarvi del fatto che anche per me alcune porte si sono chiuse inaspettatamente e delle sfide che ho perso, ma anche del modo in cui ho capito l’importanza di “reagire” alle sconfitte per raggiungere traguardi più importanti di quelli inizialmente preventivati.

Si parla spesso di “autostima” e “fiducia in se stessi”, due concetti differenti ma connessi tra loro. Concetti “astratti”, difficili da spiegare ma che sono alla base del nostro essere e del nostro “benessere”. Due qualità innate… che dobbiamo essere capaci di coltivare. Diventa indispensabile per chi è genitore come me, ma è fondamentale anche con gli amici, con il proprio compagno. Con tutti quelli che ci circondano dovremmo imparare a rispettare questi due concetti: “fiducia” e “autostima”. Io me li immagino come dei piccoli semi, che vanno annaffiati ogni giorno. Dobbiamo prenderci cura di loro perché nei momenti delle sfide, sono loro che ci danno la forza di reagire agli sbagli e ancor di più alle sconfitte. Sono sempre loro che danno la forza e la grinta di rialzarci e di non farne un dramma davanti alle avversità.  Aver fiducia in se stessi significa trovare quella piccola luce positiva nei tunnel che spesso ci sembrano bui e senza fine. Avere autostima in noi ci permette di perdonarci. Perdonare noi stessi quando sbagliamo, quando non riusciamo a ottenere una cosa tanto desiderata… Perdoniamoci e cerchiamo di reagire e di cercare di fare meglio, con la consapevolezza che un giorno quella cosa tanto desiderata, prima o poi, sarà nostra.

Ora vi consiglio un piccolo gioco che nei momenti difficili mi è servito molto. Prendete un pezzo di carta e scrivete cinque qualità che pensate di avere. C’è chi ne troverà dieci, chi otto, chi sette. Raramente a qualcuna di voi sembrerà di non trovarne nemmeno una, ma a quel punto consiglio di fermarvi e di pensare che anche concetti come “amare”, “perdonare”, “sorridere” e “scherzare” sono qualità. Anche chi pensa di non avere nulla di speciale o di unico, si sbaglia.

A fianco a ognuna delle cinque qualità scrivete un obiettivo che vorreste raggiungere.  Ora, mentre scriverete questi obiettivi, vi verranno in mente tantissimi dubbi, incertezze e paure. E’ normale! Scrivete anche quelle e cercate di analizzarle. Ogni cosa che avete scritto diventerà forte dentro di voi e vedrete che, piano piano, cancellerete quelli che oggi vi sembrano problemi , dubbi e perplessità, perché sarete consapevoli che sono frutto delle vostre “paure”. Conservate quel foglio, cercate una volta al mese di riprenderlo e rileggerlo. Vi accorgerete, a distanza di tempo, che quelle qualità restano sempre lì, nessuno ve le toglierà mai, i problemi invece li cancellerete voi stessi. Spesso i nostri amici, il nostro compagno, i nostri figli credono profondamente in noi, perché loro riescono a vedere qualità che noi, purtroppo, non sempre siamo consapevoli di avere.

Quindi amiche, foglio alla mano e giocate questa sera con me ricordandovi di affrontare le difficoltà e di VINCERLE perché siamo nate guerriere piene d’amore e non esistono “nemici” impossibili da sconfiggere!

Photograper VITTORIO CARFAGNA
Abiti SWEET LOLA by SANDRO FERRONE
Hairstyle ANNA ILARDI per FRANCO E CRISTIANO RUSSO
Makeup LORENA LEONARDIS