Anche quest’anno si avvicina San Valentino e quindi è quasi d’obbligo parlare d’amore, cuoricini e sdolcinatezze… ma vi confesso che questa commercializzazione dell’affetto mi ha anche un po’ stufata (sia chiaro, io i Baci Perugina li aspetto lo stesso, non sia mai!). Nonostante, o forse proprio perché vivo un amore maturo e consolidato da molto tempo (oltretutto coronato e celebrato con due magnifici figli), percepisco alcune cose che aleggiano intorno a questa festività “esagerate” e troppo “commerciali”, al pari di un castello Disney: tanto bello e luccicoso da abbagliare e far dimenticare che alla fine si tratta solo di “carta pesta”, che non sarà mai all’altezza di un vero e proprio edificio in pietra.

Insomma, amiche, questo per dire che io non sono un’amante del San Valentino, quando amarsi sembra d’obbligo e stare da soli è una cosa da “sfigato” e disadattato; sarebbe opportuno festeggiare l’amore tutti i giorni dell’anno, perché’ sentiamo questo sentimento ed e’ importante che sia vivo sempre, anche quando si litiga, quando il lavoro ci tiene lontani o non si ha voglia di parlare con nessuno; bisogna amare e festeggiare quando non si sospetta il nostro possibile slancio, quando si condivide insieme una cosa bella successa e la felicita‘ diventa di entrambi, o quando uno dei due sta male e anche una carezza da’ conforto. Dopo tanti anni qualcosa sull’amore penso di averla capita: non si tratta di cuori, cioccolatini e rose, ma piuttosto di sorrisi, lacrime e carezze. Temo che il modo in cui la società ci impone di celebrare l’amore faccia perdere di vista quali sono, in realtà, i veri ingredienti di questa ricetta, che a volte può essere amara o scottare, ma conserva pur sempre il sapore dell’ambrosia.

Quindi, voglio auguravi di trovare nella vostra vita qualcuno che vi ami almeno quanto voi sapete fare e che non abbia bisogno di una festa per celebrare la vostra relazione, ma sia in grado di farlo tutto l’anno.  Inoltre, come spiegavo oggi ai miei figli, in Finlandia, San Valentino si chiama “Friend’s day”, vale a dire che si cerca di avere un pensiero gentile per i propri amici piuttosto che concentrarsi esclusivamente sulla propria storia d’amore. Per i più fortunati il proprio compagno è anche il proprio migliore amico!
Più in generale, in tutta la Scandinavia San Valentino è popolare solo da alcuni anni ed è considerato essenzialmente come una celebrazione del rapporto d’amicizia. Lo stesso vale per il Guatemala, dove San Valentino è chiamato’ Il Giorno dell’Amore e dell’Amicizia’. Anche qui la festa è considerata in modo simile agli altri Paesi, ma con un’attenzione particolare agli amici.

In Australia questo evento non si celebra soltanto quando si sta vivendo una relazione d’amore, ma anche quando si vuole dimostrare il proprio affetto nei confronti di amici e familiari. Quindi mie care amiche, il 14 febbraio dedicate un pensiero, oltre che al vostro compagno, anche ai vostri amici. Ricordatevi che l’amicizia rappresenta la forma d’amore più alta e nobile. Il mio pensiero è per tutti voi che leggete questo blog. Baci curvy e cuoricini a tutti voi.

XoXo la vostra Curvyjade

La consapevolezza e l’amore, forse, sono la stessa cosa, perché non conoscerete niente senza l’amore, mentre con l’amore conoscerete molto.

Fëdor Dostoevskij

Photographer ALESSANDRO BACHIORRI

Hairstyle  ANNA ILARDI by FRANCO & CRISTIANO RUSSO

Make-up LORENA LEONARDIS

Abiti Lola Curvy Style by SANDRO FERRONE